www.leonardoderasmo.com

fenomeni paranormali e parapsicologia

sedute spiritiche

parapsicologia fenomeni paranormali mistero
 

Legge Antifumo Ristoranti per Fumatori

 
controlla l'affinità di coppia

 

 

Questo Sito è stato segnalato nel programma Voyager in onda su RaiDue il 23 febbraio 2005

 

Eusapia Palladino
 
una sera a cena. . . .....

 

Chiaia aveva ospite, quella sera a cena, il prof. Damiani, un ricercatore appena tornato dall'Inghilterra e da tanti esperimenti "al tavolino". In uno degli ultimi, a Londra, uno "spirito" gli aveva consigliato di tornare a Napoli, perché lì si sarebbe rivelata una medium destinata a cambiare la storia dello spiritismo e della medianità. Per questo, quella sera, Damiani era stato in silenzio, guardingo, in attesa di eventi, senza pensare però alla misera ragazza di servizio.

Il futuro di Eusapia Palladino fu quello di una prima donna e di un fenomeno da baraccone insieme. Bistrattata, osannata, derisa, la povera ragazza del sud si difese, di volta in volta, con umiltà e con arroganza, con stupore e vanità.

Invitata a tenere grandi spettacoli, ospite di corti reali dovunque in Europa, studiata da scienziati e notai ebbe spesso crisi nervose e isteriche.

Le aveva già provate da bambina, quando fingeva di non essere in casa e si nascondeva sotto un tavolino (quasi una precognizione) per farsi cercare dai parenti.


Fu osservata da vicino dai più noti scienziati e scrittori del tempo (tra cui Richet, Schiaparelli, Bergson). Accusata di mistificazione e di inganno, a seguito di una famosa seduta, riacquistò credibilità. Alla fine, il suo maggior denigratore, l'antropologo Cesare Lombroso ne riconobbe pubblicamente le qualità.

Il tempo e l'avanzare dell'età, lentamente ne eclissarono la fama. Povera e sola, finì per gestire un piccolo negozio in un misero quartiere di Napoli. Poco prima della morte (avvenuta nel 1919) la si vedeva parlare da sola, vagare nella notte, giocare con i bambini.

 

Sembra che, di tanto in tanto, consultasse una cartomante, per conoscere il futuro.

 

© testi e grafica di: leonardo d'erasmo

 

precedente __ successiva